Pubblicato da: ruotenelvento | febbraio 8, 2010

SICUREZZA INNANZITUTTO!

Accanto all’interesse per una manifestazione così ricca, il raduno di Cervia pone una questione relativa alla sicurezza che è meglio affrontare in anticipo e in maniera molto diretta. Navigare con un carro a vela, con un kite-buggy o con un mountainboard sono un divertimento ineguagliabile e un gioco fantastico. Ma come ogni gioco ci sono delle regole da rispettare, sia tra coloro che partecipano che tra questi e gli spettatori.  

Per quanto riguarda la navigazione in carro a vela vi ricordo i punti fondamentali del regolamento FISLY, tradotti in italiano e mutuati dal manuale Vele da Terra, pubblicato da Mursia:

ARTICOLO 4 – QUANDO GLI YACHT SI INCONTRANO

INCONTRO FRONTALE: Quando due yacht si incontrano frontalmente, entrambi devono portarsi sulla propria destra per lasciare spazio sufficiente tra essi.  

ARTICOLO 5 – INCROCIO

INCONTRO: Quando due yacht provengono da due diverse direzioni quello proveniente da destra ha la precedenza. Lo yacht che non ha la precedenza deve farsi da parte o rallentare. Costringere uno yacht con diritto di precedenza a modificare la sua rotta o a rallentare per evitare una collisione costituisce una violazione delle regole.   

ARTICOLO 6 – SORPASSO

  1. INGAGGIO: una manovra di sorpasso si dice ingaggiata quando ci sono meno di due metri tra le estremità dello yacht sorpassato e le estremità dello yacht sorpassante.
  2. DISINGAGGIO: Una manovra di sorpasso termina quando ci sono più di due metri tra le estremità dello yacht sorpassato e le estremità dello yacht sorpassante.
  3. RESPONSABILITA’ DELLA MANOVRA: Il pilota dello yacht sorpassante è responsabile della manovra.
  4. IL SORPASSATO: lo yacht sorpassato deve, se naviga lungo una rotta rettilinea, mantenere questa rotta o farsi da parte; nel caso stia virando, deve portare avanti la manovra normalmente. Tuttavia, se il pilota dello yacht sorpassato incontra un ostacolo può manovrare per evitarlo.
  5. IL SORPASSANTE: Lo yacht sorpassante deve evitare la rotta del sorpassato. Costituisce una violazione delle regole costringere lo yacht sorpassato a cambiare rotta o a rallentare per evitare una collisione.
  6. Tutte le regole devono essere osservate in uno spirito di fair play.

A queste regole se ne aggiungono altre specifiche – sempre emanate dalla FISLY – per i buggy, e cioè:

1.1  – POSIZIONE DELL’AQUILONE

Quando due piloti si incrociano, si incontrano o nei sorpassi, il pilota sopravento deve alzare il suo aquilone, quello sottovento deve abbassarlo. In tutti i casi, il pilota che sorpassa non deve danneggiare quello che viene sorpassato.

Dal momento che quella di Cervia, seppur ampia, non è una sconfinata spiaggia di marea e che le regole FISLY vengono applicate per mezzi omogenei, mentre qui avremo veicoli con esigenze diverse, è CORTESIA, per i piloti di aquiloni, alzare la vela negli incroci con i piloti di carro a vela; in caso di avvolgimento della vela con i cavi dell’aquilone, entrambi i piloti DOVRANNO ARRESTARSI IMMEDIATAMENTE: si deve assolutamente evitare che si  esaurisca la lunghezza dei cavi per non strappare maniglie o barra dal pilota di aquilone.

Inoltre:

–         Date sempre un occhio al cielo, soprattutto se siete fuori con l’aquilone. Stiamo sulla spiaggia per divertirci, non per dimostrare qualcosa a qualcuno o a noi stessi.

–         Soprattutto in condizioni che richiedono estrema attenzione (tanto per un vento intenso quanto per una spiaggia affollatissima), non uscite se non siete in condizioni psicofisiche perfette.

–         Prestare attenzione non solo a quello che accade 20 metri davanti a noi, ma anche a quello che accade INTORNO A NOI e su distanze molto più lunghe. Un buggy o un carro a vela che si muove alla velocità costante di 40 kmh percorre in un secondo quasi undici metri. Un eventuale imprevisto è veramente un attimo.

–         Il casco è obbligatorio, SEMPRE, e ovviamente deve essere ben allacciato. Altrimenti tutti questi anni Nico Cereghini che ha fatto? Ha predicato al VENTO?

–         Comportarsi responsabilmente rispettando gli altri rider e il pubblico. Ricordatevi che solamente rispettando le fondamentali regole di convivenza, gli  sport che amiamo – e che richiedono spazio – possono svilupparsi e crescere. Se si notano rider che si stanno comportando in modo irresponsabile deve essere la stessa comunità a sanzionare per prima – con la consueta grazia e gentilezza – in modo da evitare dei precedenti negativi che potrebbero costringere le autorità a prendere delle misure restrittive – come se già ce ne fossero poche – nei confronti dell’aquilonismo da trazione e del carro a vela.     

–          Verificate sempre che il materiale sia in buono stato. Se si svita un bullone o si rompe una linea al peggio ci si fa male, al meglio si trascorre mezza giornata a cercare e a sostituire il ricambio.

–          Soprattutto su superfici lineari ed estese come le spiagge – insomma che non si abbracciano tutte con un solo sguardo come un Petrano –  meglio fare una ricognizione a piedi, o almeno non andando subito a cannone. Gli ostacoli possono essere tanto pericolosi quanto le manovre improvvise per evitarli.

 –         La spiaggia è un po’ come il mondo, lasciatela sempre meglio di come l’avete trovata.


Responses

  1. ciao,
    ottimo articolo in previsione del raduno di Cervia.
    buon vento


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: