Pubblicato da: ruotenelvento | ottobre 18, 2011

EUROPEAN BLOKART CHAMPIONSHIP 2011 – Terschelling (NL)

*

Mentre i risultati dei Campionati Europei FISLY a Hoylake hanno confermato ancora una volta che contro i Francesi c’è poco da fare (si sono aggiudicati Classe 8, Promo, 5 Sport, Standart e Classe 2, lasciando solo la Classe 3 al belga Plovier) nella serie continentale dei blokart (http://www.blokartassociation.eu/) cominciano ad emergere Nazioni nuove, meno tradizionalmente legate alla vela da terra. Sulla spiaggia frisona di Terschelling una nutrita pattuglia di blokarters ha lottato per il il primato nel più popolare monotipo del landsailing, i risultati sono su http://www.blokartclub.nl/results%20Eurpoean%20Blokart%20Champ.%202011.htm. Ricordo per coloro abituati alla normativa FISLY che il regolamento del blokart utilizza come parametro fondamentale il peso del pilota (fino a 55 kg flyweight, da 55 a 70 kg lightweight, da 70 a 85 kg middleweight, da 85 a 100 kg heavyweight e infine oltre 100 kg One ton). Ora, se non stupisce la presenza ai vertici dell’Olanda, che giocava in casa, vittoriosa nella Heavy e nella Light Pro, del Belgio, leader nella Ton e Middle Pro e nella Middle Performance, e della Germania, prima con Philipp Bruhn nella Fly Pro, sorprendono le ottime prestazioni degli Spagnoli e dei Lituani. In Spagna si è assistito negli ultimi anni a un vero boom, con il blokart che ha fatto da traino ad altri costruttori con mezzi simili come il WinDreamer (http://www.windreamer.es/) e il rinox (http://www.rinox.es/). Un Santi Oliver sempre al top si è aggiudicato la Heavy Performance davanti a Javier Estrellas, ma gli iberici si sono rivelati estremamente competitivi anche nella Middle Performance con Bresnan e Cavallier. Oltre agli iberici si sono comportati in maniera eccellente anche i Lituani, con il secondo posto di Matas Mizgiris tra i Middle Pro e quello di Ligaudas Seputa tra i Ton Pro. Oltre alla pratica invernale sul ghiaccio anche le spiagge non sembrano male e se qualcuno avesse intenzione di farsi due bordi in questa nuova frontiera dell’Unione Europea può dare un’occhiata a http://www.blokart.lt/en.  E noi? Gli Italiani hanno ottenuto un… mezzo gradino più basso del podio con Anna Rita Manca, che è nata in Sardegna ma che gareggia con i colori della Lituania, dove vive da qualche anno. Ma tranquilli, cresceremo anche qui.


Responses

  1. ma cosi sembro una traditrice della patria…ma noooooooooo!!! la verità? il modulo di iscrizione chiedeva il paese di residenza…non la nazionalità…su questo possiamo dire che nonostante una forte identità nazionale non abbiamo paura di fraternizzare con i paesi ospitanti🙂
    l’importante è divertirsi insieme e correre con il vento!!!

    • Ah, ma io non ho mai dubitato minimamente della tua identità nazionale: anzi, sono convinto che sul podio hai addirittura brindato con una magnum (esiste?) di ICHNUSA!!!😀 Certo che questa cosa della residenza e non della nazionalità è bizzarra…
      Ovviamente, dal momento che la temperatura si abbassa, il tempo degli ice blokart si avvicina e magari c’è qualche appassionato al quale piacerebbe fare due bordi sul ghiaccio (qui purtroppo noi abbiamo solo il Resia, sopra Bolzano) se hai voglia e tempo di descrivere per il blog ruotenelvento l’attività invernale in Lituania sei più che benvenuta.😉 Ciao – Enrico


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: