Pubblicato da: ruotenelvento | ottobre 15, 2012

ENERGIA EOLICA – Evoluzione tra storia, progetto e ambiente – Sartogo, Ferrara, De Lorenzo

Esposto alla stessa tramò che delizia kiters e velisti di terra, un generatore eolico nei pressi de La Franqui (foto Tommy Veronesi)

E’ uscito in questi giorni il volume ENERGIA EOLICA, pubblicato da Dario Flaccovio, pp. 358 e prezzo intorno ai 50 euro. ruotenelvento era alla presentazione alla Libreria del Mare in una via di Ripetta fantasticamente chiusa al traffico (ma mica per sempre, stanno solo ripavimentando a sanpietrini). Antonio Cianciullo di Repubblica ha introdotto gli ospiti Gianni Mattioli – che dalla fine degli anni Settanta si occupa di Energia e di protezione dell’ambiente e dei Beni Culturali – il presidente di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza e gli autori principali di questo ampio studio sulla rinnovabile che ci riguarda più da vicino. Purtroppo anche in queste occasioni quasi familiari non si trova mai tempo per un minimo di approfondimento e sarebbe stato interessante per esempio sapere qualcosa in più sull’eolico d’alta quota, di quali verifiche ha ancora bisogno il sistema per essere giudicato affidabile. Da diversi anni anche la comunità dei kiters (in genere già naturalmente orientata verso le rinnovabili) si interessa alle AWE (Airborne Wind Energy), soprattutto a quel progetto italiano KITEGEN che recentemente ha fatto parlare di sè più per i contatti per rilevare l’ALCOA di Portovesme che per il primo megawatt ricavato dagli impianti in via di realizzazione e sperimentazione in Piemonte, a Sommariva Perno. Solo brevi interventi per l’architetto (e velista) Francesca Sartogo (attorno alla quale si è coagulato il progetto e che ha curato la parte storica, sociale e culturale di una tecnologia per la produzione di energia che appartiene all’umanità da millenni e che può benissimo conciliarsi con l’ambiente), Vincenzo Ferrara (che si è occupato della parte meteorologica e che nella presentazione ha accennato a come la stampa spesso fraintenda la complessità dei cambiamenti climatici per una semplificazione di comodo) ed Ennio Di Lorenzo (che si è fatto carico degli aspetti tecnici). Insomma un pò di lampi per accennare alle sfide per il futuro tra costi, campagne mediatiche ad orologeria (2 anni fa contro l’eolico, lo scorso anno contro il fotovoltaico, oggi contro le biomasse) e l’assoluta necessità di avvicinare la produzione di energia al consumatore.


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: