Pubblicato da: ruotenelvento | settembre 29, 2015

QUELLI CHE AI CARAIBI CI VANNO IN MACCHINA

ruotenelvento Blog

ruotenelvento – che già l’ha trattata in http://www.ruotenelvento.it/index.html, dove potete trovare anche la versione inglese, tradotta da Barbara Bandini – ripropone una delle storie più straordinarie e scandalose degli ultimi venti anni. Un episodio in gran parte dimenticato – come tanti altri del resto: chi si ricorda di Mathias Rust? – che ha degli elementi in comune anche con il vento perchè i protagonisti avevano pensato di utilizzare dei paracadute ascensionali per farsi trainare dagli alisei nella loro traversata, il che fa abbastanza kitecar. Gli autonauti – sempre Marco Amoretti e Marcolino de Candia – furono recidivi e nel 2009 provarono a completare il giro d’Italia a bordo di una Maserati Biturbo fucsia, affidandosi a un motore fuoribordo piuttosto che al lungo respiro dell’Atlantico.

“In mare avevamo paura della profondità, ma il mondo che ci eravamo creati era il nostro mondo, e dovevamo affrontare soltanto i nostri giudizi. Ora dobbiamo rimetterci a confronto…

View original post 1.000 altre parole


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: